La giornata contro lo spreco alimentare

Oggi si celebra la Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare ed è l’occasione per sottolineare come anche il settore dei congressi e degli eventi sia in prima linea per evitare gli sprechi e dare nuova vita al cibo nell’ottica di una virtuosa economia circolare.

La Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare (ideata e istituita dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con la campagna Spreco Zero e Università di Bologna – Distal) è stata celebrata per la prima volta in Italia nel 2014 e proprio l’anno successivo è stato istituito Food for Good.

Il progetto di lotta allo spreco alimentare sorto dalla partnership tra Federcongressi&eventi e le Onlus Banco Alimentare ed Equoevento prevede che il cibo non consumato durante convention, congressi ed eventi venga donato a enti caritatevoli quali case famiglia, mense per i poveri e centri per i rifugiati.

Dal suo lancio Food for Good è sostenuto da un numero sempre più alto di operatori del settore MICE e ha fatto scuola in Europa, è infatti inserito tra le best practice presenti sulla Piattaforma dell’UE sul tema delle perdite e degli sprechi alimentari (EU Platform on Food Losses and Food Waste).

Combattere lo spreco alimentare con Food for Good è semplice ed efficace: attraverso i volontari di Banco Alimentare ed Equoevento Federcongressi&eventi mette in contatto i responsabili delle società di catering con la Onlus più vicina al luogo dell’evento affinché questa provveda al recupero delle eccedenze alimentari in tempi rapidi e in completa sicurezza in linea con le normative vigenti in materia.

Tutto è bene ciò che non finisce male” è il claim della campagna di comunicazione promossa da Federcongressi&eventi per incentivare l’adesione al progetto per il recupero del cibo non consumato durante gli eventi.