L’Enit certifica: mercato Usa e Canada verso l’Italia in ampia crescita.

L’incoming italiano è vivo e desta sempre maggior interesse anche oltre oceano. Il mercato Statunitense si conferma come forza trainante ma altri seguono a ruota. Enit ha pubblicato i dati dell’incoming che vedono infatti gli Usa come motore di spinta del nostro incoming con 4.100.000 di turisti che sbarcano sulla Penisola affascinati da arte, storia, cultura, design, cibo e vino. Lo scorso anno il turismo americano ha speso 5 miliardi di euro in soggiorni e pernottamenti (divisi tra 35,4 milioni di hotel nights) nel nostro paese.

Il Canada, pare avere avviato un processo simile. Nel 2018 i canadesi che hanno attraversato l’oceano per arrivare in Italia sono stati 1.100.000, incrementando di quasi il 15% la presenza sul nostro territorio rispetto al 2018. Il dato migliore, del mercato canadese, è la capacità di spesa che ha toccato 1,6 miliardi di euro, con un incremento del 25% sul 2017.

Sono dati rassicuranti che danno un’idea di un’Italia in salute, almeno turisticamente parlando; e non solo per il settore leisure. Il Bel paese infatti si conferma in crescita anche nel settore MICE che vede Milano il pole position come città preferita a livello congressuale.

La Redazione