Massachussetts. Per chi non ha paura dei fantasmi!

Recorder/Paul Franz A variety of jack-o-lanterns greet people on Green River Rd in Greenfield.Sierra Exif JPEG

Ottobre è il mese di Halloween e nel Massachusetts sono davvero tantissimi gli appuntamenti dove il brivido diventa la sensazione più celebrata dell’anno.

Non solo il Massachussetts vanta la festa più lunga e famosa, quella di Salem la mitica città stregata, ma è possibile vivere Halloween in tutto lo stato. Partendo dalla zona della Greater Boston non si può non citare la tradizionale “Hanson’s Haunted Hayride” che si tiene ogni venerdì e sabato notte ad ottobre dal 1993. Un centinaio di volontari coinvolgono i visitatori in spaventosi ed eccitanti giri sulle carovane.

Nel cuore dello stato, il Central Massachusetts, nella “Sylvester Pierce Mansion” di Gardner con le sue atmosfere vittoriane, si rivive ogni anno la leggenda che la vuole infestata dagli spiriti. Ad Halloween, nei weekend di ottobre, l’ospite -che non deve essere debole di cuore- si può aggirare tra i meandri della dimora dove una trentina di attori ben preparati riportano in “vita” le antiche presenze della leggenda. 

Nel sud dello stato si rianima il mito di “Lizzie Borden”. La donna divenne un caso mediatico in tutto il Massachusetts per aver ucciso il padre e la matrigna con un’ascia a Fall River, sulla costa, per poi essere protagonista di un celebre processo conclusosi con una sentenza di assoluzione nonostante i gravi indizi di colpevolezza. Il caso ha fatto storia tanto da generare filastrocche, film, pezzi teatrali e anche una serie televisiva: “Il Caso di Lizzie Borden” andata in onda nel 2017 anche Italia, su Netflix. A Fall River esiste il museo” The Borden house”, che è anche un bed and breakfast in pieno stile 1890, visitabile tutto l’anno. Il tour, a lume di candela, inizia alle 20.00 e comprende anche la visita della cantina. Si racconta che i fantasmi delle vittime s’aggirino ancora per la casa e che le loro anime inquiete facciano sobbalzare gli ospiti dai letti nel pieno della notte. Per la cronaca, la guida si chiama “Ax” in italiano “ascia”. 

Sulla penisola di Cape Cod, la “liberale” cittadina di Provincetown organizza una bella parata in costume per le famiglie mentre, per chi è già maggiorenne, spettacoli, feste a tema ed il “Black & Gold Ball” alla Town Hall che promettono divertimento e trasgressione.

Per chi invece desidera indagare l’occulto direttamente, sempre a Cape Cod, il “Mass Paranormal Adventures” attrae molti curiosi che vengono accompagnati da investigatori specializzati nel paranormale,  in alcuni dei luoghi più stregati del sud-est del Massachusetts. Ci si può anche equipaggiare di microfono e registratore e contribuire alle ricerche sul paranormale. In alternativa, a Barnstable,  c’è il “Ghost Hunter Tour” della Società di Ricerca del Paranormale di Cape Cod e delle Isole, uno dei tour più spaventosi. Si può imparare come fare l’EVP (Electronic Voice Phenomenon) ovvero la registrazione delle voci dei morti nei cimiteri, oppure come usare strumenti sensoriali per individuare le attività paranormali. Ancora a Cape Code, al “Capt.Lazarus’ Haunted Harbor” nel “Community Media Center” di Dennisport, nei fine settimana di ottobre dalle 18 alle 20, ci si incammina in un labirinto mortale colmo di anime spaventose. 

Dalla costa all’isola di Martha’s Vineyard dove le case, che risalgono al 1672, ospitano presenze soprannaturali. La storia dell’isola attira cacciatori di fantasmi e romanzieri che vogliono entrare in contatto con il mondo degli spiriti oppure – se si è scettici – semplicemente divertirsi durante Halloween. Tra le tante proposte si scopre che nel villaggio di Oak Bluffs la “Corbin Norton House” nell’Ocean Park fu distrutta ben due volte da un incendio, nel 1894 e poi nel 2002 e Holly Nadler, ghost hunter straordinaria, afferma che non è una coincidenza. Le sorelle Julie e Loulou Dazell sembra siano state le protagoniste di incendi dolosi nel 1894 e i loro spiriti s’aggirano ancora oggi per l’isola. Basta seguire uno dei “Vineyard Ghost Walking Tours” per collezionare questa ed altre storie spaventose.

Sulle belle colline romantiche della regione del Berskhires, nell’ovest dello stato, non si può mancare il “Ghost Tour at The Mount”, nella casa della scrittrice Edith Wharton, a Lenox. Si inizia tra scricchiolii dei pavimenti, a porte che sbattono, passi che si allontanano da stanze vuote e la sensazione di essere osservati, di sentirsi toccare sulle spalle o di veder apparire una creatura spettrale in un angolo oppure di fronte ad un caminetto oramai spento da tempo. Giochi dell’immaginazione in una antica casa che fu un tempo vissuta da una talentuosa scrittrice o qualcosa di diverso? Non è un tour adatto a bambini sotto i 12 anni. Meno spaventoso, invece, il “Pumpkin Trail” nel parco storico di Stockbridge: un lungo il percorso illuminato nel giardino dove si incontrano le creature notturne dei boschi che appaiono improvvisamente per condividere le proprie storie.

Nelle campagne e nei villaggi storici, altre occasioni per celebrare il mese stregato del Massachusetts in mezzo alla natura, circondati dai boschi e dalle foreste durante l’estate indiana. Nei due weekend finali di ottobre, a Cummington è possibile visitare la “Homestead Haunted House”: Edgar Allen Poe incontra Washington Irving in questa casa infestata dai fantasmi e insieme accompagnano gli ospiti attraverso le stanze dei servitori, il terzo piano e le scale di servizio. Infine a Northampton, immancabile per la cittadina che produce birra artigianale, uno “Zombie Pub Crawl”.

INFO: Ufficio Turismo Massachusetts – www.massvacation.it – FB Visit Massachusetts Italia –

bostonma@themasrl.it

le immagini sono scaricare dal https://www.massvacation.it/press/ Le immagini riprodotte sono corredate dei rispettivi crediti fotografici. L’utilizzo delle immagini è valido solo per fini puramente promozionali citandone ovviamente la fonte/credits.