Fête de la BD - Stripfeest - Comic Book Festival Expo Alix - l’Art de Jacques Martin Alex - de kunst van Jacques Martin Musée Art & Histoire - Museum Kunst & Geschiedenis Parc du Cinquantenaire - Jubelpark © visit.brussels - Eric Danhier - 2018

Eventi a Bruxelles: la città rilancia il palinsesto

Fumetti, arte contemporanea, architettura i pilastri degli eventi nella capitale belga

Visit Brussels annuncia un graduale ritorno alla normalità anche sul fronte turistico, in concomitanza con la ripresa delle attività istituzionali al Quartiere Europeo e con il ripristino di buona parte dei collegamenti aerei dall’Italia e la ripresa della piena operatività di molte strutture ricettive.
E, quindi, si riparte con gli eventi.


Dall’11 al 20 settembre sarà il Festival del Fumetto a tenere banco.
Si svolgerà con una formula completamente riadattata per garantire il rispetto delle norme anti-covid ed evitare ogni tipo di assembramento, senza rinunciare alla tradizionale magia dell’appuntamento che si terrà alla Gare Maritime presso Tour&Taxis, dove verrà realizzato un percorso di oltre 3.400 metri quadrati nel quale saranno ricreate le atmosfere dei fumetti che hanno fatto la storia della nona arte.

Bande Dessinée Mur BD Stripmuur Sculpture Gaston Lagaffe Bande dessinée (c) Olivier van de Kerchove

Il palinsesto degli eventi di Visit Brussels prosegue per tutto settembre con un ampio focus dedicato all’arte moderna, con una serie di appuntamenti in alcuni luoghi simbolo della città, a cominciare dal KANAL – Centre Pompidou: a partire dal 24 settembre, l’ex garage Citroën ospiterà “It Never Ends”, mostra evento dedicata al genio di John M. Armleder, una delle figure più importanti del mondo dell’arte degli ultimi cinquant’anni, chiamato a riempire per 7 mesi gli spazi dello showroom con i suoi capolavori iconici e nuove installazioni monumentali progettate per l’occasione.

A ottobre, sarà la volta dell’architettura. Ritorno l’atteso Festival BANAD, slittato alla nuova collocazione dal 26 settembre al 4 ottobre. Tra visite guidate, mostre e aperture straordinarie di monumenti, ville e residenze normalmente chiuse al pubblico, il programma promette un viaggio approfondito nel mondo dell’Art Nouveau e dell’Art Deco, da sempre punti di riferimento del patrimonio architettonico locale.

Hotel Solvay – Solvay House (Victor Horta 1894) Avenue Louise – Jean-Paul Remy – 2017

L’ Artonov Festival (dal 4 all’11 ottobre), punterà i riflettori sulle diverse declinazioni che questo movimento ha avuto in numerose discipline: non solo architettura, ma anche musica e danza, passando per il teatro e la pittura.
Tra collezioni temporanee, visite guidate e proiezioni di film, invece, la Biennale di Architettura Moderna (dal 13 al 31 ottobre) aprirà una finestra sul patrimonio lasciato in eredità dal modernismo.

Villa Empain – Boghossian Foundation Michel Polak (1934) Avenue Franklin Roosevelt – – Jean-Paul Remy – 2017

«In questo momento, a tutti i viaggiatori in entrata in Belgio per turismo – spiega Ursula Jone Gandini, responsabile Italia ufficio del turismo di Bruxelles – si richiede la compilazione di un modulo online, almeno 48 ore prima dell’ingresso. Il Governo ha anche predisposto un sistema in costante aggiornamento che permette di identificare velocemente eventuali altre misure richieste ai viaggiatori, in funzione del loro territorio di provenienza. Quanto al rientro in Italia dal Belgio, non sono attualmente previste restrizioni. Anche se i flussi sono legati principalmente alle attività istituzionali, ci aspettiamo una graduale ripresa dei viaggi leisure, anche in relazione alla conferma di alcuni eventi di grande richiamo».