IPW 2021. Una speranza che rinasce.

Era ormai quasi notte in Italia quando IPW e US Travel, in contemporanea, diramavano il comunicato stampa che annunciava le nuove date di IPW 2021 a Las Vegas. È una notizia che attendevamo da tempo. Il Covid aveva cancellato l’edizione 2020 regalandoci un boccone amaro in più da trangugiare in un momento difficile. E non solo perché IPW è la più importante fiera di settore che riunisce ogni anno da tutto il mondo oltre 7000 specialisti del mercato turistico americano insieme a 650 giornalisti di settore. Ma perché IPW è IPW.

Nulla quanto IPW nel mondo, rappresenta infatti la fiera così come dovrebbe essere. Appuntamenti mirati, incontri e interviste, una sala stampa che noi giornalisti chiamiamo “casa” per 4 o 5 giorni, i post fam e i pre fam trip per familiarizzare con quello che poi si andrà a vendere nell’anno successivo, le conferenze stampa con dati, e previsioni. IPW è una macchina organizzativa pressoché perfetta, immutabile negli anni se non per miglioramenti costanti.

Ma un’altra cosa rende IPW unica. È una fiera in cui ormai ci si conosce se non tutti, in molti. È un appuntamento cui non si vuole mancare, un compleanno di famiglia cui si deve tronare. Una volta in IPW, ci si guarda i badge con allegria, si scherza sulle partecipazioni: c’è il badge da cookie, quello per i 5 anni, quello per i 10 e poi i 15 …fino a chi -ed è un italiano- ha fatto tutte le edizioni: 50 anni sul campo; il decano dei giornalisti della fiera.

IPW è un momento in cui, finito il lavoro, si socializza insieme in eventi grandiosi ed esclusivi. Si diventa amici ad IPW, ci si scrive dopo, ci si trova nei viaggi, si programmano incontri quando si va nello stato del collega, solo per il piacere di rincontrarsi. Ecco perché IPW è unica.

Ieri sera, per questo, è partito il tam tam tra noi del settore, appena arrivata la press. Whatsapp ha avuto un topic trend. Eravamo felici. Siamo pronti a tornare in America. E siamo pronti perché ci manca questa vita, ci mancano le conferenze, le presentazioni uniche di una fiera che spettacolarizzazione tutto. Abbiamo ancora negli occhi l’edizione scorsa di ormai 7 anni fa; ma vogliamo tornare a volare sul Grand Canyon con gli elicotteri rossi; vogliamo le jeep delle pink ladies, in giro per il Nevada; ci mancano gli shows, ci manca l’atmosfera frizzante di una città che -sola al mondo- ha saputo reinventarsi e cambiare il suo passato: da meta dell’azzardo e della trasgressione, a sede di meeting e congressi, fiere internazionali; abbiamo fame di sapere, voglia di conoscere e un’esigenza insopprimibile di ritrovarci, di poterci finalmente risalutare di persona e non in chat. Per questo il conto alla rovescia è già cominciato. E per fortuna manca meno di un anno visto che le date sono previste dal 18 al 22 settembre.