Manu Chao: musica e impegno a Collisioni Grazie.

Manu Chao è un poeta ribelle, uno di quei personaggi che è difficile definire solo in una categoria. Musicista, certo, ma anche cantastorie nel senso antico del termine, creatore di emozioni, stimolatore di pensieri; un uomo che usa la musica per trasmettere un messaggio: sociale, culturale, di impegno civile. 

La sua maglia rossa e il suo pugno chiuso (che prima però era ben aperto sui tasti della sua chitarra), ieri sera hanno occupato il palco del Collisioni Grazie, il festival fortemente voluto dallo staff di Collisioni e dalla città di Alba, per ringraziare tutte quelle categorie di lavoratori che non hanno mollato durante il lock down per aiutare chi era in difficoltà e costruire una nuova possibilità per il nostro paese. 

Di origini franco-spagnole, Manu Chao ha risposto con grande entusiasmo all’invito a suonare in questa speciale edizione di Collisioni.

Bella musica, impegno, allegria trascinante. Sul palco con lui, in un live quasi acustico puro, Manu Chao ha ovviamente portato il percussionista uruguaiano Mauro Mancebo, da anni con lui, per raccontare in un viaggio musicale, quanto e come la musica internazionale possa essere strumento di unione tra i popoli e un messaggio di amicizia a quello italiano testimoniati dall’esecuzione di alcuni suoi brani inediti ancora non registrati, oltre naturalmente al reperio che lo ha reso famoso, da La vida es una tombola, Clandestino, Me gustas tu a Malavida.

In tanti anni, Collisioni ha ospitato artisti di grido; ed è facile. Chi non vorrebbe il pubblico di Collisioni, il bagno con una folla vicino al palco com’era in passato, la voglia di sentirsi amato e apprezzato, ma soprattutto retribuito con un cachet interessante? Beh, ieri sera invece Manu Chao ha fatto vedere cos’è la solidarietà da parte di un artista. Abbiamo chiesto il cachet all’organizzazione: risposta “Zero Euro”. Perché la coerenza è una dote da grandi uomini che servirebbe in questi giorni anche a tanti politici nostrani. Manu Chao ad Alba è venuto gratis, costi di viaggio compresi. In un mondo che guarda solo al proprio tornaconto e agli affari, anche in tempi di pandemia, il suo gesto è quello di un uomo dal cuore grande, dalla passione intensa. Cui possiamo solo inchinarci e dire “Grazie”.