TTG travel experience: a Rimini una lunga storia di successo e, oggi, di speranza

Domattina, e per tre giorni, i player del turismo italiano, o almeno quel che ne resta, si troveranno al quartiere fieristico di Rimini per dire ad alta voce “combattiamo insieme”. Il palcoscenico? TTG Travel Experience, la fiera turistica più importante per il mercato italiano, una tradizione giunta alla sua 57a edizione.

Sono passati tanti anni da quando a Stresa, andò in scena la prima piccola fiera del turismo, poi trasferita a Riva del Garda che, dopo un lungo cammino di crescente successo, è approdata a Rimini.
E’ una sfida difficile, nel bel mezzo della ripresa della pandemia di Covid in tutta Europa e nel mondo, con scenari che cambiano continuamente, complice una gestione della crisi da parte del governo a dir poco caotica.
Arriveranno tour operator, dmc, compagnie aeree, compagnie di crociere, catene di hotel e altro, ma soprattutto agenti di viaggio alla ricerca di una parola di conforto pronti per ricominciare l’attività.

IEG Fiera di Rimini: TTG, SIA, SUN

La politica italiana si riempie spesso la bocca con la leggendaria dichiarazione “il turismo è importante per l’Italia, conta per il 13,5% del PIL”. Ma, ormai lo abbiamo imparato, è solo uno slogan.
Nonostante la mancanza di un ministero dedicato (il ministero del Turismo è stato cancellato nel 1993, quindi è stato incorporato nel ministero dei beni culturali) il turismo è ancora un grande attore nell’economia italiana, o almeno lo era fino a febbraio. Ma non può vivere se non aiutato dall’establishment in questo tragico momento, un esecutivo che sta dimostrando per il settore di essere efficace con le parole, ma non con i fatti.

Così IEG (Italian Exhibition Group) ha mostrato il suo coraggio e ha deciso di andare “live”: da domattina 14 ottobre a venerdì 16 tutti i player italiani si riuniranno in una fiera dal vivo, con presenza fisica, incontrandosi, ovviamente tutti ossequienti alle norme anti Covid e sarà un momento molto toccante per rivedersi dopo quei mesi difficili, non ancora finiti, con le incertezze del futuro.

La situazione dei viaggi è ancora un mosaico: paesi si stanno riprendendo altri stanno peggiorando, le frontiere sono chiuse e tutti hanno una lista nera o procedure diverse per ammettere i viaggiatori.
Una cosa è certa: il turismo è in ginocchio, ma la voglia di ripresa è forte.
Lo scenario dopo un’auspicata e incerta normalizzazione della situazione è ancora tutto da disegnare ed è questo che uccide davvero la speranza e indebolisce la resistenza.

Gloria Armiri, group brand manager tourism & hospitality division IEG

«L’attuale edizione di TTG – afferma Gloria Armiri, group brand manager tourism & hospitality division IEG – insieme alla nuova sezione dedicata all’”hospitality design“ Regeneration! di SIA (Italian marketplace for travel & hospitality)”, e la sezione SUN (beach & outdoor style) parleranno molto“ italiano ”. Ogni singola regione italiana porterà in fiera la propria proposta turistica, aggiungendosi alle novità, rispondendo al nuovo format di mercato. Per esempio “Be Active” propone vacanze come curiosità, esplorazione dei luoghi e dell’anima, una sorta di “aggiornamento di sé stessi”.
Abbiamo messo un grande impegno nel portare a Rimini paesi come Grecia, Slovenia, Marocco, Cina e Giappone, Israele, Malta, la regione tedesca della Franconia, Ceará, che significa Fortaleza per il Brasile. Scopriremo le nuove tendenze della destinazione “en plein air” attraverso il glamping. Una presenza molto importante sarà quella di Sandra Carvao, chief market intelligence e competitività presso l’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO), elatrice al seminario dal titolo “Restarting Tourism”.
La Travel Iindustry è ansiosa di scrivere un nuovo capitolo e la nostra fiducia è al massimo ».

Il quartiere fieristico di Rimini

Un raggio di sole in questa valle oscura: questo è oggi TTG Travel Experience, una fiera, un raduno dei protagonisti del turismo di uno dei paesi più belli del mondo, in grado di catturare l’attenzione con la sua ricchezza culturale, monumentale, paesaggistica, dove tutti noi andremo a ricominciare la strada per la ripresa, per rendere il turismo sicuro, una volta che si potrà ricominciare a percorrere il nostro meraviglioso pianeta.

E’ qui, a Rimini, che risiede oggi la speranza di un intero settore.